04 Dic 2014

Medicinali per uso umano – Guida del Farmacista

0 Comment

La prescrizione e la dispensazione dei medicinali per uso umano si effettuano con modalità diverse a seconda del loro regime di fornitura al pubblico stabilito dalla legge.
A tal fine la legge individua le seguenti tipologie di medicinali:
– medicinali soggetti a prescrizione medica;
– medicinali soggetti a prescrizione medica da rinnovare volta per volta;
– medicinali soggetti a prescrizione medica speciale (si tratta dei medicinali stupefacenti,
per i quali la legge prevede specifiche modalità di distribuzione e prescrizione);
– medicinali soggetti a prescrizione medica limitativa (medicinali la cui prescrizione o la cui utilizzazione è limitata a taluni medici o a taluni ambienti), comprendenti:

  •  medicinali vendibili al pubblico su prescrizione di centri ospedalieri o di specialisti;
  •  medicinali utilizzabili esclusivamente in ambiente ospedaliero o in ambiente ad esso assimilabile;
  •  medicinali utilizzabili esclusivamente dallo specialista;

– medicinali non soggetti a prescrizione medica, comprendenti:

  •  medicinali “da banco” o “di automedicazione” (detti anche OTC, per i quali è ammessa la pubblicità e il libero e diretto accesso da parte dei cittadini sia in farmacia che nei punti vendita di medicinali);
  •  restanti medicinali non soggetti a prescrizione medica (detti SOP).

In particolare, sono assoggettati a ricetta ripetibile i medicinali il cui uso necessita di un controllo medico o che sono spesso utilizzati in modo non corretto e dunque rischioso per la salute, ovvero contenenti sostanze che necessitano di un controllo, nonché alcuni medicinali destinati ad essere somministrati per via parenterale.
Sono invece soggetti a ricetta non ripetibile i medicinali che, presentando una delle suddette caratteristiche, possono determinare con l’uso continuato stati tossici e dunque gravi rischi per la salute.
Per le prescrizioni di medicinali erogati a carico del Servizio Sanitario Nazionale deve essere utilizzata la ricetta SSN (salvo il caso di medicinali stupefacenti che richiedano la speciale ricetta “a ricalco”).
Specifiche disposizioni regolano inoltre la prescrizione di preparazioni galeniche, nell’ambito delle quali si distinguono le “formule magistrali”, ossia i medicinali preparati in farmacia in base ad una prescrizione medica destinata ad un determinato paziente e le “formule officinali” ossia i medicinali preparati in farmacia in base alle indicazioni della Farmacopea europea o delle Farmacopee nazionali.

Fonte Fofi.it

[top]

In vetrina